‘Ci sposiamo…. a Las Vegas’

“Ci sposiamo … a Las Vegas!”

Era febbraio del 2014 quando con questa frase annunciai il mio matrimonio alla famiglia. Seguirono subito applausi che mascherarono lo stupore. Già, chi avrebbe mai pensato che mi sarei sposata? La prima a non crederci ero proprio io.

Io che, neppure da ragazzina, mi immaginavo entrare come una meringa in chiesa mentre i parenti piangono. E avrebbero pianto come fontane, si commuovono ad una laurea, figuriamoci per un matrimonio, il primo della serie anche. No, no. E poi … un matrimonio tradizionale? Mai e poi mai. Non avevo nessuna intenzione di sposarmi e se mai mi fossi sposata sarebbe stato in un viaggio senza invitati.
Ormai erano anni che era maturata in me l’idea di considerare la celebrazione del matrimonio come un evento privato, personale, intimo che lega due persone. Insomma un ricordo condiviso solo da due persone: gli sposi.

Così mentre pensavamo alla prossima meta, Johnny si è imbattuto nella lettura di matrimoni di italiani a Las Vegas e non si sa come la frase “bello sposarsi lì” fu trasformata in SPOSIAMOCI A LAS VEGAS!!! Anche in questo siamo stati anticonvenzionali: nessuna dichiarazione e nessun anello.

So che in questo momento vi state facendo delle domande a cui rispondo subito. Sì, il matrimonio è valido in Italia (basta fare la trascrizione nel proprio comune). No, non siamo stati sposati da Elvis (anche se a Las Vegas tutto è possibile). Sì, costa meno di un matrimonio tradizionale.

Dopo aver preso questa importante decisione, bisognava scegliere la chapel. Ogni albergo di Las Vegas ha una o più cappelle ed in più a completare l’offerta ci sono edifici adibiti solo a questo scopo. C’è l’imbarazzo della scelta: si può scegliere anche l’opzione fast in cui si rimane in auto durante la breve cerimonia.

Alla fine abbiamo scelto di non muoverci dall’albergo Tropicana dove alloggiavamo. La location, Skyline View, era molto scenografica: uno spazio all’esterno immenso nel verde e con lo skyline di Las Vegas come cornice. Inoltre non rischiavamo di arrivare tardi, bastava scendere con l’ascensore dalla camera.

Un paio di mesi prima effettuammo la prenotazione e ci venne assegnata una wedding planner, Angelica, per gestire tutte le nostre richieste. Infatti riuscì addirittura a reperire un ministro per celebrare il matrimonio in italiano e ci consigliò un negozio per il noleggio degli abiti. Visti i tempi ristretti non avremmo avuto tempo di cercare i vestiti, così ci recammo a colpo sicuro nel negozio dove la titolare Joy, con grande stupore parlava  benissimo l’italiano, avendo vissuto per anni in Italia. Alla fine io scelsi l’unico abito non bianco che sembrava, incredibilmente, fatto su misura per me, mentre Joy riuscì a convincere Johnny ad indossare un classico smoking con cravatta e panciotto annessi, mentre lui già si immaginava in bianco con cappello panama stile trafficante colombiano.

matrimonio_la_2

La nostra meravigliosa wedding planner ci fornì indicazioni e scelte per ogni aspetto del matrimonio tranne uno: il rito. Eravamo convinti che a Las Vegas, un luna park per adulti costruito in mezzo al deserto, luogo di eccessi per antonomasia non fosse neppure contemplato un rito religioso. E invece … durante i 7 minuti della cerimonia con rito protestante, Dio venne nominato un sacco di volte con mio stupore e divertimento considerato il luogo dove eravamo.

Trascrizione del matrimonio in Italia

Cercammo tanto in internet i vari passaggi affinché fossimo legalmente sposati anche in Italia. Tante idee e confuse. Sembrò complicatissimo e per un attimo pensammo di affidare a qualche agenzia la procedura.

Alla fine, per trovare il bandolo della matassa, andai nel mio comune nell’ufficio che si occupa di trascrivere i matrimoni contratti all’estero per chiedere quali documenti servissero. Consiglio a tutti di partire da qui. Così, sezionando il problema, fu più semplice reperire i documenti: certificato di matrimonio, Apostille e traduzione (per questo documento doveva presentarsi all’ufficio matrimonio del Comune, anche la persona che ha tradotto il certificato di matrimonio). Inoltre era sufficiente che si presentasse uno dei due coniugi.

Partiamo dall’inizio.
A Las Vegas per sposarsi è necessaria la licenza matrimoniale che si ottiene presentandosi al Clark County  aperto sempre dalle 8 alle 23. Ricordo che mentre compilavamo tutti i fogli arrivò una coppia adulta, un po’ trafelata, già vestiti per la cerimonia: lei con un abito rosa ed una coroncina di brillantini come se dovesse andare al ballo di fine anno. Las Vegas è davvero meravigliosa se ti regala anche queste immagini.

Fuori dal Clark County distribuiscono volantini per pubblicizzare le cappelle, come se stessero promuovendo un ristorante o un qualsiasi altro negozio.

Ho trovato questa foto direttamente nel sito con tutti i passaggi ed i costi.

getting_married

Alla fine della cerimonia ci venne rilasciato un certificato di matrimonio come souvenir che non ha alcun valore.

matrimonio_la_1

Per ottenere il certificato di matrimonio ufficiale noi lo abbiamo richiesto on line qui.
È arrivato direttamente a casa in Italia. Una volta ricevuto questo documento bisogna ottenere l’Apostille: la procedura e l’indirizzo a cui inviare la documentazione la trovate qui.

Tempi: dalla celebrazione al certificato di matrimonio rilasciato dal comune di residenza è trascorso un mesetto.

————————————————————————–

Ricordo che un’amica sposata mi scrisse “siete troppo forti … secondo me avete fatto una cosa che tutti, sotto sotto, vorrebbero fare .. ma che non hanno il coraggio di mettere in pratica”.  Sarà vero? Posso solo affermare che per noi è stata la scelta più giusta.

Demi

Annunci

3 thoughts on “‘Ci sposiamo…. a Las Vegas’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...